Diamo voce al silenzio

Quei "guardarobieri" giocatori di rubamazzetto di Eazye, Alfio Garozzo, Pino il Postino, Tony Motorello ed Erminio Ottone è qui che vengono a pettinare le bambole.

Blog, Twitter, Mail.
Recent Tweets @Superfuffa
Who I Follow

There is a new trend in town: “the sidewalk couch” #paris #hipsteria #midivertoconpoco #lifestyle #hipsteria #shades #hat (à 21 Rue Brezin)

6 plays
The Rolling Stones

oggi va così

Pochi cazzi, sono troppo #MacGyver sì o sì? #initiative #invention from #scraps #thatshowweroll

Awesome!

il titolo ovviamente prende parzialmente spunto da una canzone di un noto ‘italiano’ (capiamoci bene, non è il mio cantante preferito, anzi lungi da esserlo, ma mi è venuto così)…

Sento la necessita di buttare giù qualche riga, ho bisogno d’evacuare pensieri e di focalizzarmi su altro… Abbiate pazienza, tanto normale non lo sono mai stato…

Ci sono vari episodi della storia moderna e contemporanea che mi hanno marcato e che mi appassionano… Ad alcuni di essi sono particolarmente legato, per non dire che mi ossessionano… in quanto ‘rappresentano le mie madeleines politico-culturali… Certi lo sono perché ne sono stato testimone in prima persona se così si può dire… è il caso dell’11 Settembre e delle “bombe del 1992-1993”, altri perché nel mio essere un po’ (tanto) autistico sono delle “date”, è il caso dell’omicidio JFK (22 Novembre) perché è il compleanno del mio BFF, un altro esempio, ed è appunto la vera ragione di questo mio post…
Il Caso Moro, avvenuto nel 1978, mio anno di nascita, è forse l’episodio che per certi versi più mi sta a cuore e più mi tormenta… Questa notte ho terminato la lettura di “I 55 giorni che hanno che hanno cambiato l’Italia” di Ferdinando Imposimato.
Una delle letture più istruttive che mi siano capitate fino ad’ora sul soggetto, ma forse, per la stessa ragione, quella che mi ha lasciato più interdetto e soprattutto pieno di quesiti a cui non riesco a dare risposta da solo e a cui, con grande rammarico, ho la netta impressione che nessuno potrà rispondere… Alcuni dovuti alla lettura, altri scaturiti da ricerche su internet avvenute in parallelo durante la lettura.
Ma vediamoli insieme, che magari riesco ad esorcizzarli così facendo. Premetto che sono scritte di getto, senza ordine alcuno e non per forza connesse…

-le due famose borse che Moro portava sempre con se, dove sono finite? Ma soprattutto che cosa contenevano?

-tutto ciò che emerge dalla autopsia/perizia sul cadavere e sull’auto, come la storia della sabbia rivenuta sui vestiti, le tracce di acqua di mare rinvenute sul colletto della camicia, l’abbronzatura rilevata sul cadavere, il foro di proiettile sul fianco e il tono muscolare di Moro… Tutti questi elementi sono ovviamente connessi fra di loro, ma soprattutto fanno dubitare la veridicità di una prigionia durata 55 in uno spazio angusto e l’esecuzione avvenuta all’interno del bagagliaio della Renault…

-cito due nomi e non aggiungo altro… Mino Pecorelli e Carlo Alberto Dalla Chiesa…

-la butto lì, l’allora Ministro degli Interni Cossiga, che sul soggetto negli ultimi 35 anni si è lasciato volontariamente scappare affermazioni sibilline, era ‘pilotato’ da Andreotti o da Gelli, oppure anche essi erano ‘pilotati’ a loro volta?


… ?

BIG UP for Charles Bradley and Menahan Street Band

Momento #WTF: ma che ci fa una pompa di benzina sui binari del treno? (à Gare de Biarritz)

That odd! #hat (s) (à Le Bar Basque)

Mamie est une fashionista #hedonism #fashion #ThatsHowWeRoll (à Rue Gambetta)

A #fashion scarecrow #hipsteria #hedonism (à St. Jean De Luz, France)